venerdì 22 gennaio 2021

Miss Violence

 Questo sciagurato film ellenico del 2013 è disponibile su Amazon Prime. Lo classifico come un film dell'orrore anche se è un film soprattutto drammatico. non sto a menzionare il regista e gli attori (tutti greci a giudicare dai nomi), che fanno comunque il loro dovere in maniera sufficiente. Il titolo, Miss Violence, non me lo spiego molto, anche se di violenza nel film ce n'è parecchia; quale sarebbe la "miss?"


Sono in effetti molte le cose che non ci si spiega facilmente in questa pellicola, almeno all'inizio; tuttavia la trama si intuisce perfettamente. Il film parte con una festa di compleanno, in una casa diciamo medio borghese. Una festa in famiglia. Si notano subito atteggiamenti legnosi e stereotipati, una finta felicità. E dopo un minuto o poco più, la festa si interrompe perché Angeliki, la festeggiata undicenne, si butta dal balcone e muore sfracellandosi nel cortile.

Cosa sarà successo? O meglio: perché è successo?

martedì 19 gennaio 2021

Un giudizio su Craxi

 Vi invito a dare un'occhiata al video del canale Nova Lectio (uno youtuber da tenere d'occhio, anche se certo non sono sempre d'accordo con lui).

Si parla di Bettino Craxi, leader del Partito Socialista nella prima repubblica. Se siete attempati come me sarà interessante come viaggio nel passato, se siete giovincelli si tratterà di informarvi su cose che dovreste sapere. Per me è stata un'occasione di rivedere le mie opinion in retrospettiva.


Craxi è un leader che ho odiato a morte. Per me era simbolo di corruzione, di marpionaggine, di machiavellismo politico. Oggi devo riconoscere che per certi aspetti non avevo capito un bel niente, ero giovane ed estremista.

Il video sottolinea infatti che Craxi seppe combattere il compromesso storico DC-PCI (che oggi si ripropone nella forma del PD), e cercò di contare qualcosa in politica estera, inoltre riuscì a creare un'ultima scintilla di boom economico italiano. Infine, e questo è un merito non da poco e che non potevo comprendere ai tempi, era diffidente verso le svolte neoliberiste ed europeiste che avrebbero portato alla fine del primato della politica nel nostro paese.

Era però anche un saccheggiatore delle risorse pubbliche e si trovava a capo di un sistema di corruzione su larga scala, e questo il video lo riconosce solo a metà, notando se mai che gli altri politici (e gli altri partiti) non fossero certo innocenti.

A Craxi inoltre è dovuta una vera esplosione del debito pubblico italiano. Nel video questa è ritenuto un po' una caratteristica dei tempi, ma con Craxi l'espansione della spesa pubblica, denaro che poi spesso non finiva nelle mani giuste, ha rappresentato una buona fetta di quel disastroso disavanzo di cui paghiamo continuamente gli interessi e che non riusciamo a risanare da decenni.

Una cosa la si deve riconoscere: sebbene fosse un bersaglio "facile" in quanto rappresentante del malcostume dell'epoca, e pure tronfio e tracotante, non era l'unico ladrone in mezzo a degli innocenti.


martedì 12 gennaio 2021

Ad Astra

 Ho recuperato questo film di fantascienza recente e non di particolare successo, diciamo uno di quei film che si collocano nella difficile "serie B" ovvero non appartenente ai mega progetti USA prodotti con investimenti colossali, e che sono condannati a guadagnare dal mezzo miliardo (di dollari) in su per rientrare nelle spese.

No, questo film, Ad Astra, è costato "solo" un'ottantina di milioni di dollari. Sempre molto, molto di più del più costoso film italiano prodotto in tempi recenti, intendiamoci, ma non è una pellicola che si basa su strabilianti effetti speciali. Forse il singolo investimento più costoso del film è stato avere Brad Pitt come protagonista, in un insolito ruolo piuttosto pensoso. Comunque l'incasso non è stato sufficiente a rientrare nei costi.


Ma a parte questi dettagli economici, parliamo del film. In effetti Ad Astra non è un film d'azione. E non è, se vogliamo, nemmeno originalissimo. Parliamo quindi della trama (se volete meno anticipazioni, ma attenzione saranno sempre tante, saltate al paragrafo intitolato in grassetto "cosa dire di questo film?").

giovedì 7 gennaio 2021

La Nostalgia

 Nick Otty (critico letterario inglese) ha scritto:


La nostalgia è una trappola perché concede solo di desiderare rispetto al tempo. Non vi è la possibilità di una comprensione chiara, che porti all'azione.


Forse ha ragione, ma provo spesso questo sentimento.

martedì 5 gennaio 2021

Through the Ages

 Questo è un gioco che ha avuto un paio di versioni e aggiornamenti, per cui è stato gradualmente perfezionato. Sicuramente si tratta di un successo, anche se i giochi di sviluppo di intere civiltà sono sempre in difficile equilibrio tra il troppo complesso, il troppo lungo e il troppo semplicistico, e ci aggiungiamo pure il troppo sbilanciato.


Through the Ages (autore Vlaada Chvatil) cerca di non cadere in questo tipo di errori. È un gioco astratto, nel senso che non ha una mappa. Ci sono i lavoratori, c'è l'assillo di dare loro da mangiare (e i problemi di malcontento e disordini). Ci sono i "cubetti" delle materie prime e dei lavoratori, le strutture che "automaticamente" i giocatori possiedono fin dall'inizio, e altre che acquisiranno con il tempo.

martedì 29 dicembre 2020

Addio al 2020

 Questo 2020 è stato un anno che ha ridefinito quello che chiamiamo "un anno di merda." Poi in verità ciascuno ha le sue storie e i suoi alti e bassi personali, le sue tragedie private o familiari, per cui altri numeri gli possono rimanere impressi più di questo, ma con la pandemia non abbiamo finito di fare i conti. Avremo altri problemi, e probabilmente una catastrofe economica alla fine di tutto (sperando che ci sarà almeno una fine netta, e non un trascinarsi penoso per molti anni).


Quanto a me, sono ancora qui. Non ho pubblicato nulla quest'anno, un anno denso di problemi. Ma sono alle prese con un progetto personale che vedrà la luce nel futuro. C'è da portare, come al solito, molta pazienza.