domenica 17 marzo 2019

Un podcast sulla Guerra del Vietnam

Ho fatto l'espertone nel podcast di Simone T con un intervento (in diverse puntate) riguardante la Guerra del Vietnam, un argomento cui mi sono sempre appassionato, sebbene ovviamente io non sia uno storico ma solo uno che ha letto un po' di libri. Se mi volete ascoltare, la serie audio comincia qui.







giovedì 14 marzo 2019

Serie TV, riflessioni e novità

Il panorama delle serie TV si arricchisce di conferme e nuovi arrivi in questo 2019 (aspetto con curiosità la nuova stagione di American Gods, ma c'è anche altro...), e non poteva mancare la riconferma di Suburra con altri otto episodi.

Dal momento che la prima serie mi era piaciuta, ho visto in rapida successione questi otto, salvo uscirne piuttosto deluso perché la storia, se ha saputo portare degli elementi nuovi a ravvivare la trama e il suo oggetto del contendere, sembra aver perso quota nella qualità della sceneggiatura. Avviso al lettore: per parlarne devo per forza anticipare la trama. Lo "spoiler" inizia da qui e termina più in basso (scritta in grassetto).

mercoledì 6 marzo 2019

Allucinazione Perversa (Jacob's Ladder)

Recuperando un titolo di quasi trent'anni fa, la prima cosa che si nota è proprio... il titolo. Quello italiano, dico. Allucinazione Perversa è infatti la pazzesca pensata dei nostri distributori, che dovendo dare un titolo più significativo per il nostro pubblico rispetto a quello inglese (Jacob's Ladder) l'hanno proprio sparata grossa. Eppure quelle parole in lingua originale un significato ce l'hanno, perché la "scala di Giacobbe" appare nella Bibbia (libro della Genesi) e ha un diretto collegamento con le vicende del film. Solo che nella Bibbia sembra che la scala porti direttamente in cielo, nel film quello che tocca al povero Jacob assomiglia molto più all'inferno, e la "scala" diventa un riferimento sinistro.



Ripesco questo film, di cui rivelerò la trama, perché la tematica abbastanza difficile (la morte) è molto vicina a quella che ho trattato di recente nel mio racconto che è uscito a febbraio, L'uomo che odiava il Tempo.

mercoledì 27 febbraio 2019

Termini da usare con cura: Sovranismo

"Sovranismo"... Cosa significa questo neologismo? La parola è relativamente nuova, e se andiamo a vedere su Wikipedia, indicherebbe una dottrina politica che sostiene la preservazione o la ri-acquisizione
della sovranità nazionale da parte di un popolo o di uno stato, in contrapposizione alle istanze e alle politiche delle organizzazioni internazionali e sovranazionali.

Insomma è una parola che sa più di nuovi movimenti politici, dalla Brexit alla Lega. Talvolta ho sentito accostare il sovranismo al populismo con la spiegazione che sarebbe la concezione di sovranità del populismo: sbagliatissimo, anche se per qualcuno potrebbe essere così.

Insomma una tendenza nuova e vagamente etichettata dal suono del termine stesso come eversiva. Ma che sovranismo sia il disseppellire qualcosa di arcaico o superato è certamente un travestimento del concetto.

Sostenere che una nazione, un popolo abbia diritto alla sovranità non ha niente di nuovo, di sovversivo, di becero, di ostile. La sovranità è una caratteristica delle nazioni da secoli, o meglio da millenni. Tra l'altro, e qui sembra che tutti se lo siano dimenticato, è la nazione il livello a cui si esercita la democrazia (là dove esiste).

mercoledì 20 febbraio 2019

Ghost in the Shell

Come spesso succede con le pubblicazioni di successo, in Giappone Ghost in the Shell non è solo un manga ma anche una serie di film d'animazione, una serie televisiva (animata), altri film prodotti direttamente per il mercato home video (OAV)... Il primo l'ho visto, parecchio tempo fa, in doppiaggio italiano, per cui prima o poi sentivo di dover guardare la versione statunitense, con protagonista Scarlet Johansson. Il Ghost in the Shell americano è del 2017 per la regia di Rupert Sanders (Biancaneve e il Cacciatore), e s'è subito segnalato per una polemica, quella sul "whitewashing" della protagonista, che non si chiama più Motoko ma Mira. E per gli incassi che hanno decretato un insuccesso, andando probabilmente molto al di sotto delle aspettative.


La questione del whitewashing è buffa per due motivi (i principali per me). Innanzitutto perché la protagonista è un cyborg e proprio questa storia parla dell'irrilevanza del guscio esterno rispetto allo spirito. E in secondo luogo perché, in manga e anime, i Giapponesi ritraggono spesso personaggi giapponesi con tratti occidentali.

martedì 12 febbraio 2019

Una scommessa difficile

Ho fatto ironia sul mio nuovo racconto, e ho visto che gli altri con cui ho scherzato sono molto propensi a venirmi dietro, anzi addirittura a rincarare la dose. Perché quella che sto per pubblicare non è una storia con una tematica alla moda, per quanto vi si parli di problemi che abbiamo tutti, e non ha il fascino della spettacolarità, o del magico (per quanto non manchino suggestioni di quel genere).

Il mio prossimo racconto è pervaso di pessimismo e parla di argomenti cupi, di cose di cui non si vuole parlare. Sarà davvero impossibile trovargli un pubblico? Non lo so, certamente è un mio timore. Ma è una cosa che dovevo scrivere.

In che senso, dovevo?

Avete presente quando uno dice "questa storia ha voluto scriversi da sola, non ho dovuto nemmeno pensarci?"

Be' sono... stupidaggini, almeno per quanto mi riguarda.

Questa storia mi sono sentito in dovere di scriverla, questo sì, e quindi mi sono speso per cercare di migliorarla anche quando non ne avevo voglia, ma non è stata per niente facile: mi è costata un sacco di tempo (per quanto sia un racconto, e nemmeno dei più lunghi), proprio perché comporla è stato spiacevole e a volte triste, e lo stesso sarà leggerla.

Il lettore vuole leggerle, le storie cupe e tristi? Al giorno d'oggi tutto deve essere rapido, prevedibile e gradevole. Ma forse si troverà qualcuno che accetterà la sfida.
Il racconto (che sarà in prenotazione fino al 18 febbraio) lo potete trovare qui.

mercoledì 6 febbraio 2019

Le Grand Mort: volumi 2-3-4

Proseguendo nella lettura di Le Grand Mort mi sono reso conto di essere alle prese con una storia fantasy di ampio respiro, che coinvolge un mondo immaginario, connesso con il nostro e abitato da diverse razze umanoidi, alla cara vecchia Terra, che qui vedremo però prendere una piega sinistra.

mercoledì 30 gennaio 2019

Sbaraccando dall'Afghanistan: perché si fanno guerre inutili

La notizia è arrivata di sorpresa e gli Italiani come spesso accade ci hanno fatto la figura dei fessi perché, pur avendo truppe sul posto, non lo sapevano. È la decisione degli USA di ritirarsi dall'Afghanistan. Una trovata di Donald Trump, nella sua strategia di sottrarsi il più possibile agli onerosi impegni internazionali? Probabilmente sì. Ma non è una novità, da parte degli USA, cimentarsi in questi clamorosi disimpegni. L'esempio più lampante che s'impone alla memoria di chi conosce un minimo la storia è quello della guerra del Vietnam, quando Richard Nixon, che ereditava gli errori commessi da altri presidenti e ci aggiungeva i suoi, riusciva a stipulare una "pace con onore" ritirando (a inizio 1973, quando io andavo alle elementari...) le forze degli Stati Uniti dal paese, e dando una "garanzia personale" all'alleato sudvietnamita che, in caso di attacco da parte dei comunisti del nord, lo avrebbe appoggiato.

giovedì 24 gennaio 2019

Aterrados

Aterrados, per la regia di Demian Rugna, è un film horror del 2017 proveniente dall'Argentina. L'ho visto perché stuzzicato dal blog di Lucia Patrizi, con grandi aspettative, e devo dire di essere rimasto colpito. Lo spiegherò anticipando il meno possibile. Si tratta di una storia priva di nuove, spettacolari o astute idee per mettere paura (che dovrebbe essere l'obiettivo principale di ogni horror che si rispetti) ma con una grande capacità di creare atmosfera, e un buon uso dei "vecchi" sistemi compresi i jump scare, ovvero quelle cose orripilanti che compaiono all'improvviso per farti saltare sulla sedia.

Aterrados è un film che narra di presenze maligne, che si manifestano in un gruppo di case di un tranquillo quartiere di Buenos Aires. Incidenti gravissimi, strani rumori causati da non si sa cosa, e via dicendo, ma con un rapido crescendo. Un poliziotto interviene, e si rende conto di essere di fronte a cose che vanno al di là della sua comprensione: chiama quindi una specie di esperto di casi misteriosi e del paranormale. Le vicende terrificanti che si ripetono richiamano altri due specialisti, per cui si crea una contrapposizione tra persone distrutte e impazzite per quello che sta succedendo, e questi razionali personaggi, due uomini e una donna, che ritengono di avere una eccellente possibilità per studiare e capire i fenomeni. E che non sembrano affatto spaventati.

martedì 22 gennaio 2019

Il cartoon di Celentano...

Io non ho la TV e non l'ho visto, ma pare che sia così orrendo da essere quasi una cosa cui assistere per crederci, almeno da quello che scopro in rete. Sto parlando del cartone animato a opera di Celentano-Manara. Che non posso commentare, perché dovrei vederlo per poterne parlare, ma una cosina mi viene da dirla... possibile che alla mia veneranda età debba esserci ancora questo personaggio che fa il profeta? (Sì, c'era già quando ero ragazzino). E serie televisive su preti e carabinieri?

Posso dire una cosa, che forse quando ero ragazzino la TV nostrana faceva meno schifo di quanto faccia adesso, ed è una cosa da non credere.

Ripeto il mio invito a tutti quanti: fate la dichiarazione per non farvi mettere il canone TV nella bolletta della corrente elettrica. Risparmiate 100 euro e mandate se non altro un segnale, che c'è qualcuno che non vuole pagare per quella porcheria che chiamano RAI, e per il resto della televisione in lingua italiana.

sabato 19 gennaio 2019

Termini da usare con cura: Populismo

È una parola così tremenda? Il populismo oggi sembra un mostro venuto a sconvolgere il nostro destino, eppure è in mezzo a noi da molti anni. Sotto certi aspetti può perfino piacermi, darmi un brivido di soddisfazione, quando certi politici finiscono nel fango perché non hanno saputo dare soddisfazione o risposte al "popolo" che, per quanto bistrattato sia, è sempre il soggetto della sovranità in una democrazia (a almeno dovrebbe esserlo).
Ma certamente il populismo deteriora la competizione politica.

mercoledì 16 gennaio 2019

Serie TV, più e meno

In materia di serie televisive, cosa posso consigliare a uno spettatore? Ho da poco parlato di The Man in the High Castle (Amazon Prime Video), il mio giudizio è certamente positivo. Di altre serie esplorate da un annetto a questa parte, non sono necessariamente entusiasta. Vediamone alcune...

sabato 12 gennaio 2019

Bird Box

Una delle ultime trovate di Netflix, Bird Box è un film post-apocalittico basato su un romanzo di tale Josh Malerman. Si basa su un'idea un po' insolita che ha l'indubbio vantaggio di essere anche a basso costo per un film: l'apocalisse arriva per mezzo di una strane creature invisibili, o influenze demoniache, che si manifestano con soffi di vento e voci, e spingono le persone al suicidio e alla follia. Non si comprende pienamente la natura del "cattivo" di questa storia, ma ha l'aria di non essere semplicemente una malattia. È comunque un qualcosa di inspiegabile e invisibile, e quando s'impadronisce di qualcuno non vi è apparentemente scampo. Per quanto non visualizzato, questo male apocalittico si può tenere a bada soltanto... restando bendati, perché apparentemente infligge a chi ha gli occhi scoperti delle terribili visioni.


Abbiamo così espressioni drammatiche negli occhi, che si modificano in maniera visibile, e frasi sibilline pronunciate da persone che stanno per suicidarsi in vari modi (schiantarsi con l'auto, farsi investire da veicoli, spararsi, entrare nel fuoco, spaccarsi la testa contro una vetrata, e via dicendo). Questo ha portato anche alcuni buontemponi, del mondo reale, a praticare delle sfide tenendo gli occhi bendati, con l'ovvio risultato di farsi male.
Parlerò di questo film facendo anticipazioni sulla trama, non decisive ma nemmeno piccole.


martedì 8 gennaio 2019

The Man in the High Castle, Serie TV

È difficile prendere posizione nei confronti di Philip Dick. Almeno per me. È stato un personaggio fin troppo sopra le righe, tra sostanze stimolanti, eccessi di psicofarmaci, droghe varie e fasi della sua vita allo sbando e sull'orlo della follia: pare proprio di avere di fronte il cliché fricchettone dello scrittore tormentato che "ampia la sua percezione" con l'uso delle droghe.


E poiché non mi era particolarmente piaciuto La Svastica sul Sole, traduzione italiana di The Man in the High Castle, non avevo sviluppato una grande simpatia nei suoi confronti. Anche altri libri, da cui magari sono stati tratti film famosi, mi sono parsi ingarbugliati e non mi hanno impressionato moltissimo.

venerdì 4 gennaio 2019

The Sorrow of War

Dopo aver visto la lunga e dettagliata serie di documentari sulla guerra del Vietnam che è disponibile su Netflix, ho scelto di leggere qualcosa di scritto da una delle "voci narranti" scelte per quella narrazione storica (che vi consiglio di recuperare se avete un interesse in materia). La voce è quella di Bao Ninh, nato nel 1952 ad Hanoi e partecipante al conflitto. È stato una di quelle "formiche rosse" senza nome e senza volto, sacrificate a centinaia, a migliaia, a centinaia di migliaia per vincere il decennale conflitto di indipendenza (e comunismo) per il Vietnam.

L'autore in una foto del New York Times

Lui è diventato uno scrittore e, qualche tempo fa (anni '90), ha pubblicato un romanzo dal titolo The Sorrow of War, ovvero il dolore (o il rimpianto) della guerra. Il protagonista rappresenta per molti aspetti l'autore: infatti il libro narra di un reduce completamente devastato dal conflitto, per nulla differente dai suoi vecchi antagonisti d'oltre oceano, quei reduci che hanno avuto, spesso, problemi a riadattarsi alla vita civile. Quest'uomo, Kien, comincia a scrivere le sue memorie, spesso nel cuore della notte. Non va molto avanti nel manoscritto perché talvolta nel suo tormento distrugge le pagine che non gli piacciono più, o perde l'ordine cronologico degli eventi.

martedì 1 gennaio 2019

Bandersnatch

L'ultima novità di Netflix: le storie interattive. Bandersnatch, ambientato negli anni '80, è un telefilm (in realtà molto lungo) della serie Black Mirror, e si distingue per la possibilità di "cliccare" fra due alternative, a volte una sola (cosa ti fanno cliccare a fare?) in certi momenti topici della storia. Insomma il prodotto televisivo incontra il... librogame. È stato già fatto nel passato? Non so. Certamente richiama i giochi per computer più che i prodotti televisivi. La storia? Anche questa richiama i giochi per computer, perché si narra delle peripezie di un giovane programmatore [attenzione: da qui in avanti anticipazioni] con problemi psicologici, in buona parte derivati dal senso di colpa per la morte della madre, che ha preso un treno, poi deragliato, per via di un capriccio di lui da bambino.


Siamo negli anni '80. Stefan, il protagonista (attore Fionn Whitehead, protagonista in Dunkirk), lavora a un gioco ispirato a Bandersnatch, libro maledetto di uno scrittore paranoide e assassino.