mercoledì 1 aprile 2020

1917

Non trovai l'occasione giusta per vedere questo film al cinema, forse l'avrei trovata se avessi saputo che erano le ultime settimane prima della pandemia del virus Covid-19. Ero desideroso di vedere 1917 per il semplice fatto che i film di guerra mi piacciono (anche se dopo gli anni della giovinezza questa mia preferenza ha cominciato ad andare in declino, proprio mentre, mannaggia, cominciavano a uscirne di più). 1917 fu accompagnato da quel tormentone sul fatto che fosse tutto in un'unica ripresa (piano sequenza), oppure secondo altri no, non era proprio vero, ma comunque è una grande impresa mai vista, oppure per altri ancora è una cosetta qualsiasi.


Ora che il film l'ho visto, lascio completamente la controversia in mano a coloro che ne sanno o pensano di saperne, perché non mi interessa. Comunque sia stato realizzato, il film ha, dalla sua parte, certamente il fatto di essere dinamico. Lo spettatore è quasi continuamente coinvolto nell'azione, sebbene non manchino momenti noiosi e certi particolari che m'hanno fatto cascare le braccia.

venerdì 27 marzo 2020

Pandemia, come è e come è stata raccontata

Uno dei tanti insegnamenti che questo spaventoso evento ci lascerà (sperando di dirgli addio il più presto possibile) è che ora sappiamo cosa si prova dovendo affrontare una pericolosa epidemia. Se domani avremo ancora voglia di leggere di apocalisse zombie o di pandemie, e di vederle sullo schermo, la gente avrà una pietra di paragone. Io, provando a indovinare, credo che se ne parlerà e scriverà parecchio.

Esisterà, certo, un momento in cui si vorrà lasciarsi questo disastro alle spalle, tornare alla vita di prima e alla spensieratezza, quando potremo dire che il virus sarà definitivamente sconfitto. Inevitabilmente, presto o tardi, se ne parlerà, si racconterà qualcuna delle tante dolorose storie. Storie personali, intime, ma anche storie corali. Storie di politicanti che hanno fallito, storie di eroi in camice bianco, storie di sistemi sociali sbagliati di cui avremo assaporato le terribili conseguenze. Chissà.


Continuerà ad avere successo la narrativa apocalittica? Forse vivremo a lungo ancora con le catastrofi immaginarie così come abbiamo vissuto con quella reale.

Ma da nessuna parte ho visto rappresentata la sensazione che stiamo provando dopo diversi giorni di quarantena. La sorda ansia, la minaccia di un nemico invisibile, la tua mortalità che ti tiene per mano, quei pensieri tristissimi, intrisi di preoccupazioni e paure, che sono te quando ti svegli la mattina e ti accompagnano per tutto il giorno, come la depressione. E non finisce, va avanti giorno dopo giorno, per tutta la durata dell'epidemia. Non sappiamo se siamo all'inizio o se siamo a metà strada. Sappiamo che se va male c'è da morire, forse malissimo. Comincia a darvi alla testa? Io mi sento a disagio, non lo posso negare.

mercoledì 25 marzo 2020

Gioie e dolori di Kickstarter

Tanto tempo fa (un anno, meno una manciata di giorni) vidi una pubblicità su Facebook: riguardava un gioco (sostanzialmente di carte, ma con anche una gran quantità di segnalini) dal titolo: Age of Civilization, the pocket-sized Civ Game, prodotto da Ice Makes. Questo progetto veniva finanziato con Kickstarter, la piattaforma di auto-finanziamento online. Raccolse i fondi necessari in un lampo, e aderii anch'io, nel marzo 2019. Il gioco prometteva di essere facile, divertente, rapido, eppure non privo di strategie da applicare, quindi faceva senz'altro per me, dal momento che sono un appassionato di boardgame di lunga data.


Inoltre, ho seguito la serie di giochi di Sid Meyer (i vari Civilization più gli spin-off spaziali) dal mitico Civ 1, che era distribuito ancora sui dischetti da tre pollici e mezzo, fino a Civ 5 e Beyond Earth, due ciofeche che mi hanno convinto a mollare il colpo. E vorrei precisare che sono tutt'ora, di tanto in tanto, giocatore di Civ 4.

venerdì 20 marzo 2020

Red Knight. Il Cavaliere Rosso

Questa non è una recensione. Ho comprato l'ebook di Miles Cameron, dal titolo Red Knight. Il Cavaliere Rosso e ho smesso di leggerlo oggi dopo tentativi che si protraevano da una ventina di giorni. Non penso quindi che queste righe valgano una recensione, perché mi rimaneva quasi il 90% del libro da leggere (piuttosto lungo, peraltro) e non so cosa avrei potuto incontrare in seguito. Magari la storia entrava nel vivo e diventava mozzafiato. Comunque parliamo di quello che ho sperimentato.

Il Cavaliere Rosso mi è sembrato troppo verboso e descrittivo, con un'informata colossale di personaggi che venivano presentati in brevi spezzoni di poche pagine, e poi la narrazione si spostava subito: magari su un altro episodio breve, scollegato, in una nuova locazione con ancora nuovi personaggi... insomma mi sono ritrovato un po' frastornato e per niente invogliato alla lettura, sebbene per una volta tanto il libro fosse in italiano (tradotto da Fanucci).
Non c'è tensione, dramma... un libro che non decolla.

Ho dato un'occhiata alle valutazioni su Amazon. Avverto che sono da prendere sempre con attenzione, purtroppo, perché è diventato il territorio di caccia di manipolatori, troll, denigratori e sciacalli, comunque in questo caso ci sono alcuni giudizi molto simili al mio, anche se il libro è in genere recensito in toni positivi. Si critica talvolta anche la traduzione, e in effetti questo libro è molto ben valutato in versione inglese, ma riceve voti più modesti in quella italiana. Io sono critico nei confronti del libro, ma non darei colpe eccessive alla traduzione, che m'è parsa migliorabile, ma mai veramente cattiva al punto da rendere, di suo, il testo non godibile. Questo per quel che posso dire con il mio inglese di livello B2/C1 a seconda del valutatore.

Se per caso passasse di qui qualcuno che da poco abbia letto il libro, mi piacerebbe sentire un'opinione. Giudizio finale? Questo abbandono probabilmente dice qualcosa sui miei gusti, ma non voglio proporvelo come una sentenza. Questione di gusti, appunto.


martedì 17 marzo 2020

Queste Oscure Materie

Non avendo accesso alla fonte (Sky) se non presso i miei familiari, ho visto solo una puntata della serie Queste Oscure Materie, la serie della HBO tratta dal romanzo di Philip Pullman dello stesso nome (His Dark Materials).

Questo libro, ricordiamo, aveva già ricevuto un trattamento cinematografico, La Bussola d'Oro, che vidi nel lontano 2012. Film non malaccio e che doveva avere un seguito, che però non ebbe.

venerdì 13 marzo 2020

Un Virus che ci insegna qualcosa

Non lo abbiamo trattato bene, il "coronavirus." Innanzitutto lo chiamiamo con un nome improprio, che in verità indica una numerosa famiglia di microrganismi e non uno solo, mentre il nome specifico assegnato a lui, quello che ha causato la presente epidemia, ovvero Covid-19, sembra non abbia fatto breccia nella fantasia della gente. E inoltre molti si sono presi gioco di lui, pensando che fosse "soltanto un'influenza."

Il Coronavirus "festeggiato" al carnevale di Dusseldorf - Fonte: France 24

Ma questo atteggiamento sembra stia passando rapidamente, almeno per quanto riguarda la maggioranza delle persone, quelle che fanno funzionare almeno un pochino il cervello. E ora si vedono cose mai viste: voli bloccati, città deserte, partite di calcio o gare di Formula 1 che non si fanno e non si sa se verranno recuperate (chissà le Olimpiadi).