lunedì 4 luglio 2022

The Last Kingdom

 Se ai tempi del film Braveheaert gli Scozzesi andavano di moda, oggi sembra che ci sia un'inesauribile voglia di libri, film e serie televisive sui Vichinghi. A dire il vero l'interesse c'è sempre stato, visto che gli scandinavi nel loro periodo pre-cristiano erano un vero flagello, predoni spietati e guerrieri coraggiosi, che vivevano secondo una concezione del mondo pagana e fatalista. Il prototipo dell'uomo selvaggio e libero, che prende quello che vuole e si crea il proprio destino da sé, o muore provandoci. Se ci aggiungiamo che fisicamente appartengono al ceppo giudicato esteticamente il più bello, non possiamo stupirci per le fortune di questi barbari nella narrativa.

The Last Kingdom, serie britannica che è arrivata a compimento in cinque stagioni, narra le vicissitudini dei regni danesi e anglosassoni nell'alto medioevo, traendo spunto dai fatti storici e dai romanzi di Bernard Cornwell.

lunedì 27 giugno 2022

Elric - The Dreaming City

 Ho cominciato a leggere questa serie diversi anni fa, era addirittura il 2014 quando ho iniziato. Si tratta di un progetto di riscrittura a fumetti inerente alla saga di Elric di Melniboné, con l'ambizioso intento di cambiarne la trama, avvalendosi della benedizione data dall'autore della saga stessa, Michael Moorcock. Il quarto volume, che ho letto in inglese, s'intitola Elric - The Dreaming City, e si avvale di un'introduzione scritta da Jean-Pierre Dionnet, il cofondatore della rivista a fumetti Métal Hurlant, altra gloria del passato a strisce disegnate.

Come al solito, l'iniziativa è stata portata avanti da Julien Blondel come scrittore e sceneggiatore, ma a questo giro i collaboratori non sono più tutti gli stessi: c'è l'aiuto dello scrittore Jean-Luc Cano, di Julien Telo e Ronan Toulhoat per la parte grafica e gli storyboard, Stephane Paitreau per i colori. Hanno lasciato il progetto, a quanto pare, Robin Recht e Jean Bastide, che lavoravano al volume precedente. (Nota: Didier Poli è la mente dietro l'immaginario visivo di questa serie).

venerdì 24 giugno 2022

Ultima battaglia a Berlino

 Berlin sera notre Tombeau... traduco dal francese se ce ne fosse bisogno: Berlino sarà la nostra tomba. Questo fumetto transalpino in tre volumi (penso che non si trovi in italiano) racconta la disperata, e persa in partenza, difesa della capitale tedesca nel 1945.

Tra gli ultimi difensori della città ci sono i volontari stranieri delle SS, soldati che hanno probabilmente i giorni contati. Il fumetto, opera di Michel Kœniguer con l'apporto di altri disegnatori e coloristi (Fabien Alquier, Vincenzo Giordano), editore Paquet, parla della disperata lotta dei soldati della divisione SS Charlemagne, reduci da altre disastrose battaglie, ma decisi a rispettare il loro giuramento di combattere fino all'ultimo.

Per molti di questi uomini non esisteva una vera alternativa, perché i gollisti, ovvero i Francesi che stanno dalla parte "giusta," avevano il grilletto facile con quelli che collaboravano con i Tedeschi.

Le vicende dei soldati negli ultimi giorni di guerra si alternano ai flasback di Christian, uno di loro, che era stato un giornalista in Francia. Sebbene scrivesse per un giornale approvato dai Tedeschi occupanti, Christian è poco simpatico alla polizia della Francia di Vichy (il regime che governava la parte non occupata della Francia, subordinato alla Germania). Christian non è abbastanza deciso, non è abbastanza antisemita.

lunedì 20 giugno 2022

Turistas

 Nel gran calderone dei titoli horror offerti da Amazon Prime, ho pescato questo Turistas, film statunitense del 2006 girato in Brasile. Tra splatter e "torture porn," il film è una carrellata di paure e pregiudizi del turista occidentale (statunitense e non solo) in visita nei paesi in via di sviluppo. Arroganza, incomprensioni, rancori degli "indigeni" e via dicendo, e ovviamente le terribili trappole della criminalità. Sappiamo dalle cronache che queste paure non sono del tutto infondate: in certi posti, anche blasonati e considerati dei paradisi terrestri, ogni tanto qualche turista fa una brutta fine.

Il film, purtroppo, non offre moltissimo oltre a questo, come vedremo analizzando la trama, e non è che ce ne sia tantissima. Uscendo un anno dopo il primo Hostel, immagino che Turistas ne sia influenzato, ma non è incisivo allo stesso modo.

venerdì 17 giugno 2022

Il Tempio

 Il Tempio è un racconto di H. P. Lovecraft dove comincia a prendere forma la particolare concezione dell'universo fantastico dove le sue più celebri creazioni sono ambientate. Scritto con l'espediente del manoscritto trovato in una bottiglia, è la narrazione di un U-Boot della Prima Guerra Mondiale che, dopo aver affondato una nave nemica (britannica), è teatro di una serie di strani e prodigiosi eventi.

Alla storia narrata da Lovecraft si sono ispirati i fumettisti Rotomago e Florent Calvez per crearne una versione a strisce, pubblicata nel 2017 per le Edizioni NPE (all'estero lo si trova anche con il nome di U-29). NPE sta per Nicola Pesce Editore. Rotomago (sceneggiatore del fumetto) è evidentemente un soprannome, ma non so come si chiami per davvero, so solo che è francese.

sabato 11 giugno 2022

Alfa Omega - Il Principio della Fine

 Sono andato a scovare un film di fantascienza britannico del 1973, tratto da un romanzo di Michael Moorcock: il titolo del romanzo è The Final Programme (in italiano Programma Finale) e il film in inglese ha lo stesso nome, mentre in italiano è stato reso con: Alfa Omega - Il Principio della Fine. L'umanità è al collasso, sta arrivando il termine del Kali Yuga ovvero la fine del mondo, alcune metropoli sono già devastate: in questo scenario Jerry Cornelius (che è una delle varie incarnazioni del "campione eterno" di Moorcock, ed è interpretato da Jon Finch) si muove per recuperare e realizzare una misteriosa scoperta scientifica lasciata dal suo defunto padre. Viene aiutato da un gruppo di scienziati e da Miss Brunner (Jenny Runacre, vista ne I Duellanti e in Professione Reporter), misteriosa donna d'azione dotata del potere di... divorare i suoi amanti.

Anticipo qui la trama, quindi siete avvertiti. Il film comunque non è particolarmente interessante per la storia ma più per le trovate, l'umorismo a volte nero, il surrealismo e la bellezza estetica di molte scene. Se volete, potete comunque saltare un paio di paragrafi in cui spiego la trama, e leggervi le conclusioni finali, l'ultimo paragrafo.