mercoledì 1 aprile 2020

1917

Non trovai l'occasione giusta per vedere questo film al cinema, forse l'avrei trovata se avessi saputo che erano le ultime settimane prima della pandemia del virus Covid-19. Ero desideroso di vedere 1917 per il semplice fatto che i film di guerra mi piacciono (anche se dopo gli anni della giovinezza questa mia preferenza ha cominciato ad andare in declino, proprio mentre, mannaggia, cominciavano a uscirne di più). 1917 fu accompagnato da quel tormentone sul fatto che fosse tutto in un'unica ripresa (piano sequenza), oppure secondo altri no, non era proprio vero, ma comunque è una grande impresa mai vista, oppure per altri ancora è una cosetta qualsiasi.


Ora che il film l'ho visto, lascio completamente la controversia in mano a coloro che ne sanno o pensano di saperne, perché non mi interessa. Comunque sia stato realizzato, il film ha, dalla sua parte, certamente il fatto di essere dinamico. Lo spettatore è quasi continuamente coinvolto nell'azione, sebbene non manchino momenti noiosi e certi particolari che m'hanno fatto cascare le braccia.

venerdì 27 marzo 2020

Pandemia, come è e come è stata raccontata

Uno dei tanti insegnamenti che questo spaventoso evento ci lascerà (sperando di dirgli addio il più presto possibile) è che ora sappiamo cosa si prova dovendo affrontare una pericolosa epidemia. Se domani avremo ancora voglia di leggere di apocalisse zombie o di pandemie, e di vederle sullo schermo, la gente avrà una pietra di paragone. Io, provando a indovinare, credo che se ne parlerà e scriverà parecchio.

Esisterà, certo, un momento in cui si vorrà lasciarsi questo disastro alle spalle, tornare alla vita di prima e alla spensieratezza, quando potremo dire che il virus sarà definitivamente sconfitto. Inevitabilmente, presto o tardi, se ne parlerà, si racconterà qualcuna delle tante dolorose storie. Storie personali, intime, ma anche storie corali. Storie di politicanti che hanno fallito, storie di eroi in camice bianco, storie di sistemi sociali sbagliati di cui avremo assaporato le terribili conseguenze. Chissà.


Continuerà ad avere successo la narrativa apocalittica? Forse vivremo a lungo ancora con le catastrofi immaginarie così come abbiamo vissuto con quella reale.

Ma da nessuna parte ho visto rappresentata la sensazione che stiamo provando dopo diversi giorni di quarantena. La sorda ansia, la minaccia di un nemico invisibile, la tua mortalità che ti tiene per mano, quei pensieri tristissimi, intrisi di preoccupazioni e paure, che sono te quando ti svegli la mattina e ti accompagnano per tutto il giorno, come la depressione. E non finisce, va avanti giorno dopo giorno, per tutta la durata dell'epidemia. Non sappiamo se siamo all'inizio o se siamo a metà strada. Sappiamo che se va male c'è da morire, forse malissimo. Comincia a darvi alla testa? Io mi sento a disagio, non lo posso negare.

mercoledì 25 marzo 2020

Gioie e dolori di Kickstarter

Tanto tempo fa (un anno, meno una manciata di giorni) vidi una pubblicità su Facebook: riguardava un gioco (sostanzialmente di carte, ma con anche una gran quantità di segnalini) dal titolo: Age of Civilization, the pocket-sized Civ Game, prodotto da Ice Makes. Questo progetto veniva finanziato con Kickstarter, la piattaforma di auto-finanziamento online. Raccolse i fondi necessari in un lampo, e aderii anch'io, nel marzo 2019. Il gioco prometteva di essere facile, divertente, rapido, eppure non privo di strategie da applicare, quindi faceva senz'altro per me, dal momento che sono un appassionato di boardgame di lunga data.


Inoltre, ho seguito la serie di giochi di Sid Meyer (i vari Civilization più gli spin-off spaziali) dal mitico Civ 1, che era distribuito ancora sui dischetti da tre pollici e mezzo, fino a Civ 5 e Beyond Earth, due ciofeche che mi hanno convinto a mollare il colpo. E vorrei precisare che sono tutt'ora, di tanto in tanto, giocatore di Civ 4.

venerdì 20 marzo 2020

Red Knight. Il Cavaliere Rosso

Questa non è una recensione. Ho comprato l'ebook di Miles Cameron, dal titolo Red Knight. Il Cavaliere Rosso e ho smesso di leggerlo oggi dopo tentativi che si protraevano da una ventina di giorni. Non penso quindi che queste righe valgano una recensione, perché mi rimaneva quasi il 90% del libro da leggere (piuttosto lungo, peraltro) e non so cosa avrei potuto incontrare in seguito. Magari la storia entrava nel vivo e diventava mozzafiato. Comunque parliamo di quello che ho sperimentato.

Il Cavaliere Rosso mi è sembrato troppo verboso e descrittivo, con un'informata colossale di personaggi che venivano presentati in brevi spezzoni di poche pagine, e poi la narrazione si spostava subito: magari su un altro episodio breve, scollegato, in una nuova locazione con ancora nuovi personaggi... insomma mi sono ritrovato un po' frastornato e per niente invogliato alla lettura, sebbene per una volta tanto il libro fosse in italiano (tradotto da Fanucci).
Non c'è tensione, dramma... un libro che non decolla.

Ho dato un'occhiata alle valutazioni su Amazon. Avverto che sono da prendere sempre con attenzione, purtroppo, perché è diventato il territorio di caccia di manipolatori, troll, denigratori e sciacalli, comunque in questo caso ci sono alcuni giudizi molto simili al mio, anche se il libro è in genere recensito in toni positivi. Si critica talvolta anche la traduzione, e in effetti questo libro è molto ben valutato in versione inglese, ma riceve voti più modesti in quella italiana. Io sono critico nei confronti del libro, ma non darei colpe eccessive alla traduzione, che m'è parsa migliorabile, ma mai veramente cattiva al punto da rendere, di suo, il testo non godibile. Questo per quel che posso dire con il mio inglese di livello B2/C1 a seconda del valutatore.

Se per caso passasse di qui qualcuno che da poco abbia letto il libro, mi piacerebbe sentire un'opinione. Giudizio finale? Questo abbandono probabilmente dice qualcosa sui miei gusti, ma non voglio proporvelo come una sentenza. Questione di gusti, appunto.


martedì 17 marzo 2020

Queste Oscure Materie

Non avendo accesso alla fonte (Sky) se non presso i miei familiari, ho visto solo una puntata della serie Queste Oscure Materie, la serie della HBO tratta dal romanzo di Philip Pullman dello stesso nome (His Dark Materials).

Questo libro, ricordiamo, aveva già ricevuto un trattamento cinematografico, La Bussola d'Oro, che vidi nel lontano 2012. Film non malaccio e che doveva avere un seguito, che però non ebbe.

venerdì 13 marzo 2020

Un Virus che ci insegna qualcosa

Non lo abbiamo trattato bene, il "coronavirus." Innanzitutto lo chiamiamo con un nome improprio, che in verità indica una numerosa famiglia di microrganismi e non uno solo, mentre il nome specifico assegnato a lui, quello che ha causato la presente epidemia, ovvero Covid-19, sembra non abbia fatto breccia nella fantasia della gente. E inoltre molti si sono presi gioco di lui, pensando che fosse "soltanto un'influenza."

Il Coronavirus "festeggiato" al carnevale di Dusseldorf - Fonte: France 24

Ma questo atteggiamento sembra stia passando rapidamente, almeno per quanto riguarda la maggioranza delle persone, quelle che fanno funzionare almeno un pochino il cervello. E ora si vedono cose mai viste: voli bloccati, città deserte, partite di calcio o gare di Formula 1 che non si fanno e non si sa se verranno recuperate (chissà le Olimpiadi).

lunedì 9 marzo 2020

Joker

Quando sei a terra e hai bisogno di una mano, la società, gli altri, ne approfittano per prenderti a calci in faccia. Questo uno dei messaggi, direi il più forte, espressi nel film Joker, per la regia di Todd Phillips (Borat). Sebbene tecnicamente sia un film di "supereroi," in quanto narra le origini del malvagio "villain," il Joker, e anche parzialmente del suo antagonista Batman ovvero Bruce Wayne, questo non è un film di eroi in calzamaglia ed effetti speciali. Anzi, per la maggior parte è una storia triste e cupa, storia di una vittima che alla fine decide di reagire.

A dire la verità, vedendo i trailer m'ero aspettato qualcosa di troppo tetro e insopportabile, poi il fatto che Joker abbia vinto degli Oscar mi ha instillato più sospetti che voglia di vederlo. Tuttavia devo ricredermi, si tratta di un grande film, di una grande "storia delle origini," anche se il Joker geniale e super attrezzato di certe trame successive fa un po' a pugni con il malato e sconfitto protagonista che apre la scena qui.

martedì 3 marzo 2020

Theft of Swords

Non si tratta di un libro, ma di due. Theft of Swords fa parte della serie The Ryria Revelations, ed è composto dai primi due libri che la compongono: The Crown Conspiracy e Avempartha. L'autore è Michael J. Sullivan, statunitense, la cui prolifica produzione (tradotta in diverse lingue tra cui l'italiano) verte, da circa una dozzina di anni, quasi tutta sul medesimo mondo, raccontando avvenimenti precedenti, successivi e collaterali alla prima serie. Avendo raggiunto un discreto successo grazie all'autopubblicazione, dopo diversi tentativi andati a vuoto e tanta pazienza, Sullivan ci presenta una storia di perseveranza e successo, che non può che essere di grande ispirazione. O meglio.... potrebbe esserlo, se solo queste cose accadessero anche da noi, giusto?


Essendo un "doppio" libro, questo tomo mi ha tenuto impegnato per parecchi giorni. Oltre 600 pagine da leggere, all'inizio molto velocemente, perché la storia sa prendere. Poi, nella seconda parte (Avempartha), ci sono stati momenti di noia e mi sono impantanato, per riprendere ad appassionarmi con il finale. Per fortuna.

martedì 25 febbraio 2020

Il Destino di Roma, ovvero le pandemie del passato

Già che parliamo di pandemie come materia quotidiana (di terrore, ormai) propongo una delle mie più recenti letture riguardanti epidemie e cambiamento climatico come le cause della caduta di Roma antica. Unico dettaglio confortante in questa lettura: se il Covid-19 (il virus che ci tormenta adesso) uccide "solo" il 2% degli infetti, possiamo dire che nel passato, pur in mancanza di dati certi, le cose andassero molto peggio. Basta per rallegrarvi? No? Peccato. Ma continuiamo.

Il libro che ho letto è Il Destino di Roma di Kyle Harper, uno storico secondo cui la recente evoluzione nelle indagini archeologiche (con un migliore studio dei resti umani, ecc...) ci presenta un quadro più realistico sull'impatto delle malattie nella decadenza dell'Impero Romano. L'urbanizzazione tipica del mondo romano avrebbe creato un terreno estremamente accogliente per le malattie infettive, per nulla mitigato dalla presenza di fognature (presenti, ma insufficienti) e della pulizia personale degli abitanti (pulizia che per molti significava lavarsi nei vasconi dei bagni pubblici e delle terme, insomma nuotare nei germi lasciati dalle altre persone).

martedì 18 febbraio 2020

Color out of Space

Se arriva un film ispirato ad un racconto di H.P. Lovecraft bisogna vederlo, perfino se il protagonista fosse l'insopportabile Nicolas Cage. Ed è proprio quello che succede in Color out of Space, film diretto dall'australiano Richard Stanley, a me ignoto.

Precisiamo subito che già dal titolo l'impresa si preannuncia impegnativa. Il colore descritto da Lovecraft era indefinibile, misterioso, ma finché questo rimane sulla pagina scritta è un conto, quando bisogna mostrarlo al cinema è un altro. Nei vari effetti speciali il "colore venuto dallo spazio" si rivela tendente al rosso, con sfumature violacee e rosa, accompagnato da una specie di nebbia e a volte da varie distorsioni. Questa misteriosa influenza ha anche altri nefasti effetti per attualizzarla rispetto ai tempi di Lovecraft (disturba il wi-fi, i computer, il telefono, ecc...).


Quanto alla trama, è ispirata al racconto lovecraftiano senza seguirlo pedissequamente. Il protagonista interpretato da Cage è un certo Nathan Gardner che cerca di convertirsi in contadino e di fornire ristoro alla moglie Theresa (Joely Kim Richardson), consulente finanziaria reduce da una mastectomia. La consorte in realtà non è contentissima perché cerca di lavorare da remoto ma la connessione del suo portatile funziona male, e questo rovina i rapporti coi clienti.

lunedì 17 febbraio 2020

Autopubblicarsi su Amazon, una palude velenosa?

Non è che uno speri di ottenere chissà quale successo pubblicando i propri libri su Amazon.
Sarebbe bello però almeno fare la propria parte in un ambiente pulito (dovrebbe essere questo, presentarsi online?) e sperare in quel minimo contatto con il pubblico. Ma a quanto pare c'è chi è riuscito a trasformare il mercato di Amazon in teatro per una nuova guerra tra poveri, con sistemi torbidi, a danno di chi cerca semplicemente di presentare il proprio lavoro. Per spiegarvelo meglio, segnalo l'ultimo video di Alessandro Girola (e guardate il resto sul suo canale, così capirete tante belle cose che succedono).

venerdì 14 febbraio 2020

Parasite, un commento senza "spoiler"

Appartengo, senza peraltro farmene vanto, alla categoria di quelli che sono molto sospettosi quando un film vince un Oscar, come accaduto a Parasite, del regista coreano Bong Joon-ho (Snowpiercer). Questo perché l'assegnazione delle ambite statuette non ha necessariamente a che vedere con i gusti del pubblico. Ovviamente il fatto di grande interesse, in questo caso, è la vittoria di questa pellicola come miglior film pur non essendo di marca USA (non in lingua inglese). È la prima volta in assoluto.

La padrona di casa Park

Non sta a me stabilire se Bong Joon-ho si meritasse o no questo privilegio, per cui ho guardato il film per curiosità e senza particolari pregiudizi, conoscendo già, in parte, la trama.

martedì 11 febbraio 2020

Grandi libri fantasy, è una cosa del passato?

Esistono ancora i grandi autori, nel fantasy? I mostri sacri? I libri che riescono a calamitare l'interesse di schiere di lettori con storie di immensa forza?
È abbastanza spontaneo, quando pensiamo ad autori come Tolkien, Clark Ashton Smith o Robert Howard, chiederci se oggi ci sia qualcuno di paragonabile.

In parte può essere un effetto nostalgia, il vecchio è sempre meglio del nuovo e bla bla bla. Anche la fantascienza ha avuto la sua età dell'oro, il periodo in cui un certo numero di autori "classici" sono diventati popolari e i loro libri hanno guadagnato fama duratura, mentre lo sviluppo successivo è stato più problematico, meno lineare (e ci sono i motivi per cui è stato così). Per il fantasy invece sembra evidente che abbiamo un "prima di Tolkien" e un "dopo Tolkien." Mi piacerebbe che non fosse vero, e questo indipendentemente dal fatto che Tolkien è uno dei miei autori preferiti, temo però che sia così.

Ma c'è anche da dire che un genere nasce, si codifica, certamente si trasforma un po' per un certo periodo, e fino a che non cambieranno i gusti in maniera definitiva (facendo iniziare un nuovo genere), i primi "classici" che si affermano inevitabilmente diventano"mostri sacri," esempi da venerare ecc...

mercoledì 5 febbraio 2020

Charlie Says

Un altro film sulle famigerate imprese della "famiglia" di Manson, ma visto da un'angolazione diversa dal solito. Charlie Says, diretto da Mary Harron (nota per la regia di molti film indipendenti), narra della storia di tre delle ragazze hippy della "famiglia" detenute in isolamento dopo essere state condannate per gli omicidi commessi. La storia è basata su fatti realmente accaduti: un'antropologa che lavora con il carcere, Karlene Faith, cerca di instaurare un dialogo con loro (è interpretata da Merrit Wever, che forse avete visto in The Walking Dead).


Le tre ragazze, tutte condannate al carcere a vita, sono:
Patricia Krenwinkel (detta Katie nella banda di Manson), che aveva fatto parte del gruppo già da un certo tempo, e attivamente partecipe negli omicidi. È interpretata da Sosie Bacon (13 Ragioni perché) e nel film sembra la più sicura e convinta del gruppo.
Leslie Van Houten (Lulu), ha partecipato a uno degli omicidi con una certa goffaggine e confusione. Era ai tempi una ragazza carina, nelle foto non ha nulla dell'aria smarrita e incerta dell'attrice che la interpreta nel film (Hannah Murray, vista in Game of Thrones), che inoltre non le somiglia. Nel film è un personaggio centrale.
Susan Atkins (Sadie), morta alcuni anni fa, ha partecipato a quasi tutti gli omicidi commessi dalla "famiglia." Incarcerata prima delle altre due, rivelò incautamente ad altre detenute informazioni che portarono l'arresto di Krenwinkel e Van Houten, e altri, risolvendo finalmente il caso dell'omicidio di Sharon Tate. Ritornata al cristianesimo, nel film è poco collaborativa verso Karlene. È interpretata da Marianne Rendòn.

Il film ci offre i progressi di Karlene nei colloqui con le carcerate (inizialmente scarsi) intervallati con le scene del passato.

lunedì 3 febbraio 2020

Manson Family Vacation

Non me ne vogliate, indulgo ancora un poco sul cinema ispirato a Charles Manson, questo personaggio scellerato che è riuscito a richiamare l'attenzione su di sé per decenni. Manson Family Vacation è un film indie del 2015 dove vengono messi a confronto due personaggi: Nick, un avvocato con un certo successo e una vita tranquilla, con l'unico problema di un figlio che sembra avere qualche difficoltà a scuola, e Conrad, il fratello sbalestrato che capita improvvisamente a casa di Nick, perché si sta trasferendo in una località vicina per iniziare un nuovo lavoro.

Dal momento che è un appassionato di teorie della cospirazione e in particolare di tutto ciò che riguarda Charles Manson, Conrad trascina il fratello tranquillo e regolare in un pellegrinaggio sui vari luoghi del delitto della "famiglia," scattando foto, cercando di entrare nelle abitazioni, e causando sconcerto nei nuovi proprietari delle case.

venerdì 31 gennaio 2020

Luna Nera

Serie italiana su Netflix, una serie fantasy. Ovviamente mi ha incuriosito. Ma sembra un'occasione perduta.

Luna Nera ha una recitazione debole, impacciata, quasi ai livelli delle peggiori produzioni nostrane. Pure la storia non mi ha preso, anche perché non ce l'ho fatta a terminare il primo episodio, ad essere sincero.


giovedì 30 gennaio 2020

Midsommar - Il Villaggio dei Dannati

Diciamo la verità, il titolo italiano fa schifo. Quello originale è semplicemente Midsommar, e suona bene così, perché si tratta di un folk horror ambientato nella boscosa Scandinavia, in occasione della festa di mezza estate. È una produzione statunitense e svedese, e certo può vantare magnifici scenari e scene suggestive, anche se è prevalentemente girato in Ungheria e non in Svezia.

Ora, prima di iniziare ad anticipare una buona metà dei contenuti della trama, esprimo la mia prima sensazione davanti a questo film: un frutto dell'ignoranza e arroganza yankee, con la presunzione che in Europa ci siano ancora selvaggi sanguinari, dopo secoli di cristianesimo. Ma è una coproduzione, ho scoperto. Non c'è il moghul che butta milioni di dollari dietro a un'idea irragionevole. Si tratta soltanto di una finzione che lo spettatore deve accettare, in quanto elemento portante e premessa di questo genere. Ovvero: a non moltissimi chilometri dalle nostre moderne città esistono comunità chiuse o segrete che mantengono in vita antichi riti diabolici, o credono in divinità malvagie, o hanno tramandato usi sanguinari.

martedì 28 gennaio 2020

The Manson Family

Visto che recentemente ho parlato della "famiglia" di Charles Manson in relazione al recente film di Quentin Tarantino, mi prendo un momento per parlare di un'altra produzione che ne ha parlato, risalente a una quindicina abbondante di anni fa. The Manson Family, per la regia di un certo Jim Van Bebber, regista alternativo e a basso budget. The Manson Family ha avuto una lunghissima gestazione, più o meno un decennio, finanziata di tasca propria da Bebber.


È un film con un aspetto volutamente grezzo, immagini di repertorio (vere o false?) di scarsa qualità, scene confuse, una presentazione della storia non sempre semplice da seguire. La colonna sonora, secondo Wikipedia, è stata donata da amici del regista, e anche la produzione del film, che si era incagliata, è stata rimessa in moto con l'aiuto di altri soggetti.

domenica 26 gennaio 2020

C'era una volta a Hollywood

Per strano che possa sembrare, questo è un film del fantastico, sia pure per un solo aspetto: un fatto "storico" del passato, un fatto reale, viene incluso in questo "amarcord" di Quentin Tarantino, ma l'esito è differente da quello che fu nella realtà. Comunque di questo non anticiperò nulla.

C'era una volta a Hollywood è una rivisitazione del passato su diversi livelli: gli anni '60, la cultura pop di allora (l'industria del cinema, della musica ecc...) e anche gli eccessi e gli sballi, raffigurati nelle imprese della "famiglia" di Charles Manson, celebre per la folle scia di violenza e vite rovinate che seminò in quel periodo. Teniamo conto comunque che anche Manson faceva parte, marginalmente, del mondo dello spettacolo. Se non altro come artista fallito prima ancora di iniziare.


Moltissimi i personaggi dell'epoca che vengono rappresentati, a volte brevemente. I protagonisti, Leonardo di Caprio e un giovanile, in formissima Brad Pitt, interpretano invece personaggi immaginari ma in qualche modo ispirati a fatti e interpreti di quel passato. Margot Robbie invece interpreta la sfortunata attrice Sharon Tate, che nel film è vicina di casa del duo Pitt-Di Caprio.

lunedì 20 gennaio 2020

La Spada Selvaggia di Conan

Questa lunga serie di fumetti, portata avanti da vari disegnatori (Buscema, Kane, Adams) e sceneggiata da Roy Thomas, risale ormai a una quarantina di anni fa. La Spada Selvaggia di Conan vanta disegni abbastanza validi, anche se a dire il vero storco un po' il naso di fronte al bianco e nero.



Le storie ci mostrano tematiche care al mondo dell'eroe immaginato da Robert Howard: predoni del deserto, città governate da spietati tiranni, principesse in pericolo, esseri demoniaci che spesso si presentano sotto mentite spoglie... Conan il Barbaro si muove in questo mondo a volte come amorale razziatore e conquistatore, a volte come eroe che va a raddrizzare i torti e a punire i malvagi.



Possiedo il secondo volume della raccolta, l'ho finalmente letto dopo qualche anno di permanenza su uno scaffale della mia libreria. Qui, Conan riconquista il regno di Khauran per conto della regina Taramis, per poi tornare a girare il mondo in cerca di nuove razzie e avventure. Buona la storia principale, abbastanza buone la maggior parte delle altre.


Tuttavia, per quanto mi riguarda, Conan lo preferisco ancora sui libri, e nell'unico bel film che sia stato tratto dalle sue storie (il primo, ovviamente).

lunedì 13 gennaio 2020

Dracula (BBC)

Grandi aspettative, almeno per me, alla notizia che questa serie sarebbe stata disponibile su Netflix. Serie un po' anomala, questo Dracula, tre episodi soltanto, ma insolitamente lunghi, come dei film: e sono episodi che ci presentano tre fasi differenti della storia, per quanto collegate in un'unica trama. Unica anticipazione che farò: dal momento che Dracula non muore, la serie si permette anche un grosso salto temporale.

venerdì 10 gennaio 2020

Passengers

Ho recuperato questo film del 2016 basato su un'idea stuzzicante, ma che non mi pare troppo ben riuscito. Pone se mai un'interrogativo: basta un aggancio interessante per far partire una storia che funziona?
Passengers, film diretto dal norvegese Morten Tydlun (The Imitation Game), può limitarsi a un cast molto limitato per il tipo di storia che vuole esplorare: una nave spaziale che porta 5.000 coloni ed un equipaggio, tutti in animazione sospesa, subisce un impatto imprevisto, molto forte, tale da causare un'avaria per cui un uomo (Jim Preston, interpretato dall'attore Chris Pratt, che conosco dall'universo dei supereroi Marvel) si sveglia dall'ibernazione per malfunzionamento del "pod" dove se ne stava addormentato.


Può tornare a dormire? No, non può. Cosa succede a un poveraccio che, in quella situazione, non può tornare a ibernarsi né ricevere soccorso? Il viaggio è lungo e la Terra è già troppo lontana per fornire assistenza di alcun tipo. L'equipaggio è ibernato a parte, in un settore irraggiungibile...
[la trama sarà COMPLETAMENTE RIVELATA da qui in poi...]

martedì 7 gennaio 2020

Emphyrio

Emphyrio è un libro di fantascienza scritto da Jack Vance nel 1969; è stato tradotto col nome di Crociata Spaziale, il che non è molto adatto alla storia e inoltre crea confusione in quanto Poul Anderson ha scritto un romanzo che s'intitola allo stesso identico modo.

Emphyrio è un planetary romance più che un libro di fantascienza in senso stretto, e come molti titoli della sua epoca ci presenta un universo ampiamente colonizzato, in cui i tanti pianeti abitati sono raggiungibili con comodi viaggi sulle astronavi (in questo caso, comunque, sono costosi). In parte si tratta di un romanzo di formazione, in quanto la vita di Ghyl Tarvoke, il protagonista, è descritta nel suo sviluppo e nelle sue esperienze, in una prima parte del libro fin troppo prolissa e rilassata, anche se importante perché ci introduce nella società di Halma, il pianeta in cui Ghyl si trova a vivere. La seconda parte è più veloce, anzi al confronto della prima fin troppo sbrigativa, se vogliamo (e si tratta senz'altro di un punto debole di questo libro).

Ad ogni modo Ghyl ha occasione di scoprire chi sia l'eroe della propria infanzia, ovvero il personaggio leggendario che dà il nome al romanzo, e a comprendere come funzioni la società di Halma. Emergeranno anche alcuni fatti inattesi. La vicenda ha una risoluzione rapida e inaspettata: colpo magistrale di Vance, che ci offre un grande colpo di scena.

giovedì 2 gennaio 2020

Osservazione estemporanea

Capiterà prima o poi a tutti, immagino... di vedere un film diretto da un regista che si apprezza (non un "mostro sacro" secondo il parere di altri, ma uno che si apprezza per davvero) e di non farcela proprio. Nel mio caso è successo con King of Comedy (Re per una Notte) di Scorsese, disponibile su Amazon Prime Video. Troppo triste, troppo pesante, troppo noioso. Abbandonato dopo una decina di minuti.


Ovviamente uno si può sempre ricredere in futuro. Chi lo sa.

Nel frattempo, buone feste...