giovedì 22 maggio 2008

Mary Sue glielo dici a tua sorella!

Il rischio di creare una Mary Sue è sempre presente nella carriera dello scrittore. Se parliamo di esordienti, poi...
Questo nomignolo parodistico (nato nel circolo dei fan di Star Trek) indica personaggi pieni di cliché, o eccessivamente idealizzati (pieni di pregi o qualità straordinarie e con pochi difetti, ecc...) e che proiettano desideri, identificazioni dell'autore. Nel caso di autore maschio, potrebbe introdurre l'eroina che è la sua donna ideale, ecc... Oppure i personaggi compiacciono l'autore nel senso che prova un gran divertimento a parlare di loro: gli assomigliano, hanno le sue medesime convinzioni politiche o religiose, o ha dato loro in prestito tratti della propria personalità. Quest'ultima caratteristica ovviamente è molto comune e non necessariamente negativa (è normale che ci sia qualcosa dell'autore nei suoi personaggi) ma qui va intesa in senso deteriore: in altre parole, l'autore esagera mettendo in azione una specie di supereroe o un super-sé-stesso (idealizzato).

Ci sono molte varianti della tradizionale Mary Sue (notare che al maschile talvolta si dice con altri nomi, ad esempio Gary Stu, anche se non lo si vede molto in giro...): ad esempio il personaggio sofferente che cerca vendetta o spera di trovare pace, l'antieroe, o il protagonista che deve superare qualche enorme difficoltà (un handicap fisico per esempio) ma ovviamente è così determinato che ci riesce, o magari la Mary Sue è il cattivo/a della storia ecc... Notare anche che la consapevolezza del problema porta gli autori più moderni a camuffare molto meglio le loro Mary Sue.

Mi sono divertito a consultare i Mary Sue Test che ho trovato in rete. Sono strumenti ovviamente fallibili, ma che possono indicare sicuramente delle tendenze. Se si risponde con onestà, ovviamente. Io sono convintissimo che i miei personaggi non siano delle Mary Sue, e che anche se dotati di poteri straordinari questi siano perfettamente bilanciati dai difetti o dalla personalità credibile. D'altra parte so anche dove una certa tentazione l'ho provata... Comunque i test hanno dato risultati diversi e a volte contrastanti. I personaggi che ho usato sono tratti dal mio libro Magia e Sangue che in questo momento è inedito (e partecipa al Premio Odissea della Delosbooks).
Due brani sono qui per chi volesse vederli (ma non compaiono tutti i personaggi): La morte di Arlia e L'evocazione di Arlia. Vediamo quindi un rapido profilo dei personaggi che partecipano al test (se non dovesse fregarvene dei miei personaggi, nel paragrafo Personaggi famosi più in basso ci sono un paio di altri esempi presi dalla narrativa fantasy).

Arman è il protagonista "buono." Non è però né un eroe senza macchia (anche se è molto coraggioso) né un uomo privo di problemi e di difetti. Non un antieore ma un personaggio complesso e problematico. Qualcuno dei miei lettori-revisori (che ringrazio per avermi dato le loro opinioni) m'ha detto che il personaggio ha alcuni tratti decisamente antipatici, di quelli che "non fanno figo." In effetti essere un guerriero che facilmente ammazza qualsiasi avversario in duello ed essere di nascita piuttosto privilegiata possono essere visti come tratti decisamente antipatici (saranno tratti da Mary Sue o no?).

Rakanius è il rivale, ed è il cattivo della storia, ma proprio cattivo, tanto tanto cattivo: è il cattivo che più cattivo non si può. La sua cattiveria è motivata da tante brutte cose che gli succedono e gli sono successe in passato, e questo è un tratto che potrebbe collocarlo tra i personaggi ben elaborati e validi ma può anche essere allegramente catalogato come un tratto da Mary Sue. Rakanius ha molti poteri, grandi capacità e altrettanti difetti e problemi. Piace parecchio a tutti i miei lettori, ma secondo me lo sopravvalutano: io ritengo di poter creare dei cattivi come lui a tonnellate. E' il più papabile del gruppo come Mary Sue, secondo i test.

Isabelle, personaggio protagonista, è allieva del mago Bocnan (vedi); ha molti tratti particolarissimi (magici ecc...) che a volte fanno esplodere i Mary Sue test, altre volte no. Personaggio instabile, ribelle e anticonformista, come Rakanius trae linfa dagli stati d'animo che provo nelle giornate in cui ho voglia di mandare aff... il mondo. Ha anche difetti e vizi contro cui non combatte affatto. Isabelle è una complice del cattivo, ma vede questo dettaglio a modo suo.

Rianam, personaggio importante ma non di primissimo piano, è la donna di Arman. E' un po' uno stereotipo, tipo Xena la principessa guerriera ma fatta spero con più stile, è nata prima che le donne guerriero mi stufassero a morte: e siccome va benissimo per il suo ruolo nella storia, è rimasta così. Corre molti pericoli e se la cava (quasi) sempre benissimo ma raramente è captata dai sensori anti-Mary Sue.

Arlia è una donna bellissima e talvolta fa saltare i Mary Sue test, soprattutto quando contengono domande del tipo: "se potessi, te la faresti?" E' amante di Rakanius, ha particolari poteri e caratteristiche (appartiene come lui a una razza di telepati), rimane comunque un personaggio secondario che per Rakanius rappresenterà l'amore perduto da vendicare. Assieme a Bocnan la uso qui un po' come... elemento di controllo per i test.

Bocnan è un personaggio potentissimo, marginalmente favorevole ad Arman, odioso ed egoista: importante soprattutto perché è il maestro (prepotente) di Isabelle, ed è essenziale per il suo destino. I suoi enormi poteri danno problemi ai Mary Sue test, conferendo a questo personaggio un'importanza che in realtà nella storia non ricopre, e facendomi giungere alla conclusione che i test sono pensati per valutare i protagonisti e non i personaggi secondari.

Vediamo i punteggi (tocca capire un po' d'inglese...):

The Universal Mary Sue Test

I miei personaggi totalizzano:
Arman: 15
Rakanius: 30
Isabelle: 27
Rianam: 16
Arlia: 25
Bocnan: 16

I punteggi sono:

0-16 Points
Most likely Not-Sue. Characters at this level could probably take a little spicing up without hurting them any.
17-21
Probably not a Mary-Sue, although a character can go either way at this point. Fanfiction writers should pay attention to ensure that their characters aren't getting too Sue-ish. For an RPG or original fiction character, however, you're probably perfectly fine.
22-29
Some definite Sue-like tendancies here. A little polishing might be in order to put original fiction and RPG characters back into the balance, especially if Kirking is involved. Fanfiction characters should probably have some work done.
30+
Fanfiction authors beware - Mary's on the loose. There's still a chance you can save this character with some TLC, though. Role-players and original fiction characters, you should also strongly consider giving your character a workover.
36+
Fanfiction authors, you might just want to start over. Role-players and original fiction authors, at this point your characters are likely to provoke eye-rolling and exclaimations of "yeah, right!" from your readers. (Well, at least from me.) Immediate workover is probably in order.
50+
Kill it dead. Or make sure you read the instructions properly (some people don't do this, which causes freakishly high scores) and take the test again.

Mi convince a metà. Dove ci sono capacità magiche, appartenenza a una razza quasi estinta e perseguitata ecc... il punteggio va inevitabilmente a mille. Tra i personaggi secondari questo non succede con Bocnan, però avviene nel caso di Arlia. Bocnan però è un maledetto bastardo per giunta privo di qualsiasi fascino, perciò tutt'altro che idealizzato, e anche il punteggio di 16 è eccessivo per lui.

Passiamo al Mary-Sue Litmus Test

Totali:
Arman: 17
Rakanius: 30
Isabelle: 16
Rianam: 22
Arlia: 25
Bocnan: 17

I punteggi sono

0-10 points: The Anti-Sue. Your character is the very antithesis of a Mary-Sue. Why are you even taking this test?
11-20 points: The Non-Sue. Your character is a well-developed, balanced person, and is almost certainly not a Mary Sue. Congratulations!
21-35 points: Borderline-Sue. Your character is cutting it close, and you may want to work on the details a bit, but you're well on your way to having a lovely original character. Good work.
36-55 points: Mary-Sue. Your character needs some work in order to be believable. But despair not; you should still be able to salvage her with a little effort. Don't give up.
56-70 points: Über-Sue. You've got one hell of a Mary-Sue on your hands here, and it's not going to be easy to set things right. But do your best. There may be hope for you yet.
71 points or more: Irredeemable-Sue. You're going to have to start over, my friend. I know you want to keep writing, but no. Just no.

Le domande forse più intelligenti, e che non battono necessariamente sugli stessi punti. Equilibrato, ma non del tutto: per quanto i due personaggi siano dotati di varie peculiarità, Arlia (un personaggio molto carismatico ma secondario) ottiene un punteggio ben più elevato di Isabelle (una protagonista). Interessanti invece alcune domande che, cogliendo elementi di trama rilevanti, alzano il punteggio di Rianam, che comunque non ritengo correre particolarmente il rischio di essere una "Mary Sue" nonostante sia lo stereotipo della donna guerriera (e per di più principessa di un clan barbaro...).

Da: The Writer' Mary Sue Test

Questo test dà dei profili e i punteggi sono solo per confronto (e come suddivisione nelle singole parti del test, qui non riportata).

Arman is nothing like you. He is not at all cool; in fact, he thinks cool is a temperature reading, and when he says "Oh, I just put on whatever old thing's lying around," he means "on the floor, where I threw it last night - but I turned the underwear inside out first." There's never been anything special about him that he could see; boy, is he in for a surprise. He's got no emotional scars to speak of. And he's gotten no slack from you.
In general, you've kept yourself a goodly distance from Arman and given him plenty of room - maybe a little too much. Don't distance yourself so far from Arman that you stop caring what happens to him. Totale: 7

Rakanius is only a little like you. He isn't really very cool: he blends into crowds, he hangs out on the fringes at parties, and wearing shades after dark makes him run into things. He may have sometimes thought that he was special, or destined for greater things, but probably dismissed the idea as a fantasy. He's got no emotional scars to speak of. And he's gotten no slack from you.
In general, you care deeply about Rakanius, but you're smart enough to let him stand on his own, without burdening him with your personal fantasies or propping him up with idealization and over-dramatization. Rakanius is a healthy character with a promising career ahead of him. Totale: 22

Isabelle is nothing like you. She may be popular, or she may not, but no matter what she's impossible to ignore; she stands out... just the way you always wanted to. There's never been anything special about her that she could see; boy, is she in for a surprise. She's got no emotional scars to speak of. And she's gotten no slack from you.
In general, you care deeply about Isabelle, but you're smart enough to let her stand on her own, without burdening her with your personal fantasies or propping her up with idealization and over-dramatization. Isabelle is a healthy character with a promising career ahead of her. Total: 19

Rianam is nothing like you. She is not at all cool; in fact, she thinks cool is a temperature reading, and when she says "Oh, I just put on whatever old thing's lying around," she means "on the floor, where I threw it last night - but I turned the underwear inside out first." She may have sometimes thought that she was special, or destined for greater things, but probably dismissed the idea as a fantasy. She's got no emotional scars to speak of. And she's gotten no slack from you.
In general, you've kept yourself a goodly distance from Rianam and given her plenty of room - maybe a little too much. Don't distance yourself so far from Rianam that you stop caring what happens to her. Totale 9.

Arlia is only a little like you. She isn't really very cool: she blends into crowds, she hangs out on the fringes at parties, and wearing shades after dark makes her run into things. She may have sometimes thought that she was special, or destined for greater things, but probably dismissed the idea as a fantasy. She's got no emotional scars to speak of. And she's gotten no slack from you.
In general, you care deeply about Arlia, but you're smart enough to let her stand on her own, without burdening her with your personal fantasies or propping her up with idealization and over-dramatization. Arlia is a healthy character with a promising career ahead of her. Totale: 16

Bocnan ha ricevuto soltanto 6, ma non sto a copiare qui tutta la descrizione.

Considerazioni: mi sembra abbastanza realistico, anche se le domande sull'identificazione col personaggio potrebbero essere pensate meglio. In effetti io credo che ci sia qualcosa di mio in alcuni di questi personaggi "nothing like you" mentre il test mi identifica di più con Arlia ("is only a little like you") con cui non ho proprio niente a che vedere. Trovo che sia appropriato il basso punteggio di Bocnan, personaggio di grandissimo potere ma secondario e per nulla idealizzato.

Personaggi famosi, Mary Sue famose
Per divertimento e controllo: passiamo a fare l'Universal Mary Sue test per alcuni personaggi famosi. Così vediamo come se la cavano gli scrittori veri... è da notare che tutte le domande soggettive le ho saltate. Non posso sapere se Michael Moorcock ha messo certe caratteristiche in Elric poiché "voleva essere come lui," ad esempio.
Il personaggio appena citato di Elric di Melnibone ottiene un punteggio di 41 che come vedete sopra è abbondantemente nella Mary Sue Zone (e prende un 36 nel Mary Sue Litmus test...).
Phedre, l'eroina di Jacqueline Carey benedetta dal dardo di Kushiel ottiene un bel 30. Un'altra che potrebbe far esplodere i rilevatori di Mary Sue è Nihal della Terra del Vento, che "le ha tutte:" orfana, ultima di un popolo sterminato, rabbiosa e determinata ad ottenere vendetta, con caratteristiche fisiche uniche, più in gamba di tutti gli altri ragazzini, in battaglia fa un mazzo incredibile a tutti quanti... ho dimenticato qualcosa? Non lo so e poiché non ricordo benissimo il libro ho evitato di fare i test a Nihal (potete provare voi, però). Frodo di Tolkien ottiene solo 10 (e ho provato a caricarlo un po'!) ma sappiamo che è il più improbabile degli eroi.
Ma ha davvero senso fare questo giochetto? Cosa si può dire? Molti lettori della Saga di Elric si strapperanno i capelli per difendere il personaggio, ma altri potrebbero dire che Elric (un antieroe studiato a tavolino) è proprio eccessivo e che finire nella categoria Mary Sue è il minimo che gli possa capitare. Io personalmente credo che anche per Phedre non ci sia proprio da lamentarsi, insomma rompe un po' le scatole, diciamolo. Ammetto in partenza di non essere proprio un gran paladino del femminismo, trovo però che la maggior parte delle protagoniste femminili (soprattutto quando è una donna che scrive il libro!) siano belle, brave, moralmente ineccepibili, più intelligenti della media, e magari anche delle gran dispensatrici di buoni sentimenti e di aiuto ai sofferenti e ai poveracci in difficoltà; insomma una briciola di debolezza o autoironia mai, manco a pagarla a peso d'oro.

D'altra parte è così sbagliato parlare nelle proprie storie di individui eccezionali? Chissà quanti personaggi del mondo reale sarebbero delle Mary Sue! In definitiva: dipende tutto dal valore della trama e dall'abilità dell'autore. Il preteso scarso realismo di un personaggio è un'accusa soggettiva, test o non test.

Conclusione fin troppo ovvia di questo divertente giochetto: non è così semplice valutare l'importanza che certi tratti hanno nel contesto di una storia. I Mary Sue test non possono avere molta pretese, ma se sei tu quello che scrive ti aiutano a pensare. O meglio... secondo me uno scrittore sa (può sapere) sempre quanto ha proiettato della sua personalità nelle figure della propria narrazione. Sa meno quanto dei propri desideri vi ha travasato, invece. Se è onesto con se stesso, troverà in certe domande degli stimoli alla riflessione.
E voi scrittori che per caso passate di qui, avete provato a giocherellare con questi test?

6 commenti:

Francesca ha detto...

Accidenti!!! Avrei voglia di fare il test sui miei personaggi, ma sono terrorizzata dal fatto che possano ottenere punteggi fin troppo alti ç_ç

Bruno ha detto...

LOL ! Beh, magari su Chariza lo farei con cautela...

Bruno ha detto...

... però l'ho fatto. Pur con tutte le cautele del caso (non è un mio personaggio e a certe domande non potrei rispondere) nell'Universal Mary Sue Litmus Test la comabattente della Trasparenza se la cava con un onestissimo 21 !

Congratulazioni.

Francesca ha detto...

Ah, però... pensavo peggio. Tutto sommato mi sento sollevata. Thanks -_^

emmeesse ha detto...

porca vacc... ho fatto 58!!!!!

Bruno ha detto...

Non so chi sia il fortunato personaggio che ha raggiunto un tale punteggio, ma sicuramente necessita di una ridimensionata :)