giovedì 1 maggio 2008

I Guardiani del Giorno


Il seguito de I Guardiani della Notte ha avuto un budget superiore e ne ha consolidato il successo, presso il pubblico russo e internazionale. Io ne sono rimasto deluso, invece, e temo che anche a consigliarlo come divertimento leggero rischierei di fare un cattivo servizio a chi passa di qui. Il cast di attori è il medesimo, il regista pure, purtroppo l'ispirazione alle storie di Luk'janenko diventa più sottile ancora che nel precedente film (non ho ben capito se lo scrittore è in qualche modo coinvolto in questa produzione). Da notare che il titolo farebbe pensare al secondo libro ma la storia narrata è ancora parte del primo: ed è narrata purtroppo in maniera confusa. C'è una sovrabbondanza di effetti che impone la malaugurata estetica da videoclip, ammazzando lo stile più asciutto de I Guardiani della Notte, e il film m'è parso troppo lungo, pasticciato e pacchiano. I Guardiani del Giorno cade malamente nel trash laddove il precedente film riusciva a costeggiarlo con equilibrio, e purtroppo fa venire in mente quei film americani dove alle idee si sono sostituiti gli effetti speciali: ed è questa la cosa che mi ha infastidito più di tutte, perché così anche la freschezza che questi film sembravano portare rischia di andare a farsi benedire.
A questo punto non so cosa ci riserverà l'annunciato terzo film della serie.

2 commenti:

Francesca ha detto...

E' vero, è meno bello del primo e abbastanza confuso.
Ma la cosa che più mi ha lasciata perplessa è il finale, che stravolge del tutto il romanzo.
A questo punto ci sarà davvero un terzo film?
E' anche vero che il secondo romanzo era più difficile da mettere in scena vista la sua struttura narrativa. Ora bisogna capire quali scelte sono state fatte nella costruzione della saga cinematografica.
Però... alla fine I Guardiani li amo lo stesso.

Bruno ha detto...

Il terzo film ci sarà (non oso pensare...). Cosa si dovranno inventare? Partiranno completamente per la tangente? chi lo sa...