giovedì 28 luglio 2011

Aspettando Godot, anzi Conan...

Cosa dice Jason Momoa del nuovo Conan che è in arrivo?

Spero che ai fan piaccia. Ci saranno degli imbecilli che diranno che non è come il film degli anni ’80, ma è normale: quelli erano i fottuti anni ’80 e oggi possiamo fare molte più cose al cinema


Momoa fa un po' di fatica, penso, a capire che la difficoltà sarà quella di fare un film bello, e non di assomigliare o meno ai "fottuti anni '80." Quando si perde poi in dichiarazioni sul fatto che non teme il confronto con Schwarzenegger mostra anche di non capire che il problema non è quello dell'attore protagonista (per quanto se lui non funzionasse sarebbe già un disastro).
Schwarzenegger era andato alla grande, diretto da John Milius (regista del primo Conan il Barbaro), ma non ha risollevato con la sua sola presenza il secondo film della serie (Conan il Distruttore), diretto da Richard Fleischer nel 1984.

Semplicemente, Fleischer non era John Milius. E nemmeno Marcus Nispel è Milius, aggiungerei. Penso che il principale problema sarà questo, oltre a tutto il contorno (dalla epica colonna sonora del film di Milius si passerà a un accompagnamento a suon di rock, che magari piacerà agli sbarbati ma continua a entrarci pochino con il fantasy di un certo tipo...).
Detto questo, sicuramente andrò a vedere il nuovo Conan sperando per il meglio nonostante i trailer siano scoraggianti. Conan il Barbaro (rifacimento) esce il 18 agosto, sempre che ci sia una sala cinematografica aperta dalle vostre parti.

2 commenti:

elgraeco ha detto...

Nispel non è Milius. Tutto qua.
:)

Bruno ha detto...

Ma io spero sempre in un film decente, anche se ci credo poco, dal momento che sicuramente butterò via una dozzina di euro tra biglietto del cinema e beverone (non zuccherato) di rito.